suicide squad

Suicide Squad – The Album: la recensione di Ziomuro Reloaded

Considerato l’astio e il disinteresse che provo nei confronti di tutti i recenti film sui supereroi e sui personaggi cinematografici ispirati da fumetti, covavo nei confronti della colonna sonora del pompatissimo Suicide Squad (la foto di Jared Leto in versione Joker mi è uscita da ogni orifizio) un certo riserbo, per non dire una grossa sfiducia. E invece sono rimasto piacevolmente stupito perché questa soundtrack è davvero molto, molto convincente e si fa ascoltare con gran piacere.

Se non facciamo gli schizzinosi di fronte alla tamarria generale che deve per forza di cose accompagnare scene di sparatorie, esplosioni ed inseguimenti in auto (in questo caso il pezzo introduttivo di Skrillex e Rick Ross, Purpls Lamborghini, è perfetto, e lo stesso discorso vale per Know Better di Kevin Gates) troviamo all’interno del disco decine di spunti interessanti e un mix di generi esplosivo che porta facilmente a riprodurre diversi dei brani presenti in loop, ancora meglio se con le casse al massimo volume.

In Suicide Squad – The Album ce n’è infatti davvero per tutti i costi: dal cross-over indie-rap della stupenda Sucker for pain ad opera dell’inedito terzetto Imagine DragonsWiz KhalifaLil’ Wayne, all’alternative (si fa per dire) della bellissima Heathens dei Twenty One Pilots al soul retrò confezionato da Mark Ronson per la voce di Action Bronson e Dan Auberbach in Standing in the rain. Quando poi pensi che il disco abbia già detto tutto quello che poteva arrivano l’R&b spruzzato di electro della straordinaria esordiente Kehlani (ve ne ho parlato qui) in Gangsta o ancora, incredibilmente, la straniante industrial di Grimes in Medieval Warfare.

A completare una playlist già notevole arrivano poi la celeberrima e fumettosa Without me di Eminem (che ci può stare, dopo tutto), una validissima cover della rischiosa Bohemian Rhapsody da parte dei Panic! at the disco e infine un inedito mix funky e rock da parte degli War (Slippin Into Darkness) e i Creedence Clearwater Revival (in Fortunate Son).

Viste le recensioni piuttosto negative che il film sta ricevendo un po’ ovunque, mi è sembrato proprio di capire che Suicide Squad sia il classico film che vale la pena di andare a vedere al cinema soltanto per la sua colonna sonora (a meno che, ovviamente, non ci sia occasione di limonare, in quel caso qualunque canzone andrebbe giustamente in secondo piano).

 

 

suicide squad

Tracklist

“Purple Lamborghini” by Skrillex & Rick Ross
“Sucker For Pain” (with Logic, Ty Dolla $ign & X Ambassadors) by Lil Wayne, Wiz Khalifa & Imagine Dragons
“Heathens” by twenty one pilots
“Standing In The Rain” (feat. Mark Ronson) by Action Bronson & Dan Auerbach (of The Black Keys)
“Gangsta” by Kehlani
“Know Better” by Kevin Gates
“You Don’t Own Me” (feat. G-Eazy) by Grace
“Without Me” by Eminem
“Wreak Havoc” by Skylar Grey
“Medieval Warfare” by Grimes
“Bohemian Rhapsody” by Panic! At The Disco
“Slippin’ Into Darkness” by War
“Fortunate Son” by Creedence Clearwater Revival
“I Started a Joke” (feat. Becky Hanson) by ConfidentialMX

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...