DiMartino e Fabrizio Cammarata: il 20 gennaio esce il disco Un mondo raro. Ascolta il primo singolo Non tornerò (testo)

Uscirà il prossimo 20 gennaio in tutti i negozi di dischi e negli online store Un mondo raro, il nuovo album congiunto di Dimartino e Fabrizio Cammarata dedicato a Chavela Vargas, un appassionato viaggio nelle strade di Città del Messico e un omaggio alla straordinaria artista messico tradotto sia in musica sia in romanzo dai due cantautori siciliani.

Un mondo raro. Vita e incanto di Chavela Vargas” è un ambizioso progetto doppio nato da un viaggio da Palermo al Messico che in questo disco si espleta in 10 tracce, canzoni in lingua italiana riadattate dai testi in spagnolo della Vargas, artista che Pedro Almodovar chiamava  “la rude voce della tenerezza”. Ad impreziosire il disco e dare ad esso un irresistibile sapore “world” sono le chitarre di Juan Carlos Allende e Miguel Peña, i due musicisti ‘angeli custodi’ di Chavela Vargas, definita da molti la Edith Piaf messicana.

Il libro, vi ricordo, uscirà in tutte le librerie il 19 gennaio (edizioni La Nave di Teseo) e verrà presentato Mercoledì 18 gennaio e giovedì 19 gennaio  a Bologna e Milano (con l’intervento di Pino Cacucci che ha scritto la prefazione del libro) rispettivamente alla Libreria Coop e alla Feltrinelli di Piazza Piemonte. Si proseguirà a a Roma il 22 gennaio alla Libreria Atroquando con l’intervento di Paola Soriga e il 5 febbraio a Palermo alla Libreria Modus Vivendi.

dimartino.jpg

Ad anticipare l’uscita dell’album e del libro, qualche giorno fa, Antonio DiMartino hanno pubblicato su YouTube il primo singolo Non tornerò, di cui trovate audio e testo qui sotto.

Testo

quando sarai lontana da me e vorrai avermi vicino

te lo giuro che non tornerò

anche se mi fa a pezzi la vita

se una volta soffrivo d’amore

dal mio cuore oramai sei sparita

non tornerò te lo giuro su Dio che mi guarda

te lo dico piangendo di rabbia

io non tornerò

non smetterò

finché avrò soffocato il ricordo

annegato in un fiume di pianto

che ho creato soffrendo per te

come un gioco di pietre violento

gocce d’acqua che il sole ha asciugato

una sbornia che non ci è passata

vado via sul treno dell’addio

ho un biglietto senza ritorno

prendi quello che vuoi te lo do

tranne i baci a cui penso ogni giorno

non tornerò te lo giuro su dio che mi guarda

te lo dico piangendo di rabbia

io non tornerò

non smetterò

finché avrò soffocato il ricordo

annegato in un fiume di pianto

che ho creato soffrendo per te

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...