Al Bano – Di Spine e di rose: la recensione e il commento sul testo dei giornalisti in anteprima

QUESTO ARTICOLO TI PIACE? METTI UN LIKE ALLA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE DI ZIOMURO RELOADED!

SEGUI ZIOMURO SU TWITTER E INSTAGRAM!

 

Il Teatro Ariston sta scaldando i motori per il Festival di Sanremo 2017: dal 7 all’11 febbraio prossimo, infatti, ci potremo nuovamente godere su Rai Uno la kermesse canora più prestigiosa e celebre del nostro paese, che per questa occasione vedrà salire sul palco ligure un totale di ben 22 BIG (più 8 Nuove Proposte).

Lo scorso 20 gennaio un gruppo di fortunati giornalisti provenienti da tutte le più celebri e prestigiose testate online hanno avuto la fortuna di ascoltare in anteprima i pezzi in gara al Festival di Sanremo 2017. Qui sotto trovate dunque le prime recensioni e i commenti sui testi delle canzoni, nell’ordine, di Tv Sorrisi e Canzoni, RTL 102,5, Il Fatto Quotidiano, Rockol e TvBlog. Ecco i commenti sulla canzone di Al Bano, di Rose e di Spine

PS: Cliccando sui nomi delle testate qui sopra trovate gli articoli rispettivi.

Il brano più classico del 2017 non poteva che portarlo Al Bano, vero veterano del Festival al suo 15esimo Sanremo: “Di rose e di spine” una romanza d’altri tempi, orchestrale e molto romantica. La sua estensione vocale, leggendaria, fa come sempre la differenza.

Al Bano: “Di rose e di spine” (Maurizio Fabrizio, Katia Astarita)
Parte come un’aria per piano e orchestra, e rimane lì, per esaltare la potente voce, salvo aggiungere la batteria alla fine. Siamo a Sanremo, c’è Al Bano. E c’è una canzone che dice “Di questo amore senza fine di rose e di spine”. Ma siamo anche nel 2017….  “Non è un inedito di Puccini o Mascagni”, ha commentato Carlo Conti agli applausi (ironici) dei giornalisti agli ascolti.
Di cosa parla la canzone: ricordi, passato, amore.
In breve: Al Bano. Al Bano. E ancora Al Bano

L’anno scorso, finito il Festival, c’è stato questo stucchevole giochino su chi doveva andare a Eurovision. Stucchevole perché tutti sapevano che gli Stadio non sarebbero potuti andare perché non si erano iscritti. Bene. Quest’anno, vada come vada, sia deciso a priori che a Eurovision ci va Al Bano con Di rose e di spine, scritta da Maurizio Fabrizio, mica il primo che passa. Almeno per una volta ci piazziamo alti in classifica e diamo al resto del mondo quel che si aspettano da noi, una canzone melodica cantata da una gran bella voce. Grande Al Bano. Grazie per il vino.

Brano scritto da Maurizio Fabrizio. Albano dice che è un pezzo carico, intenso e strapieno di emozioni, con un testo in controtendenza.

Giudizio TvBlog: brano che sembra uscito da un musical, tipo Notre Dame de Paris. Ritornello con le solite note altissime alla Al Bano. Gli archi e i fiati fanno volare la sua voce. Fuori dal tempo, forse un po’ troppo.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...