vitalii-sediuk

L’aggressore di Gigi Hadid a Milano si chiama Vitalii Sediuk ed è lo stesso che regalò ortensie a Madonna a Venezia (e non solo)

Vitalii Sediuk è il nome di un giovane di nazionalità ucraina che, in buona sostanza, corrisponde un po’ all’Enrico Lucci dello showbitz hollywoodiano: questo 28enne è infatti diventato celebre, se così possiamo dire, per essersi reso protagonista nel corso degli ultimi anni di decine di scherzi e trollate ai personaggi più in vista del mondo della musica e dello spettacolo europei e statunitensi, un vero e proprio disturbatore che di recente ha trovato nella modella Gigi Hadid la sua vittima sacrificale.

Pochi giorni fa, durante la settimana della moda milanese, la Hadid (attuale fidanzata di Zayn Malik) è infatti stata aggredita alle spalle da Sediuk, che senza alcun ritegno l’ha afferrata e sollevata, ricevendo come risposta un fiume di parolacce evitando, per pochi centimetri, una sonora gomitata in bocca. Qui sotto il video del fattaccio.

Il bello è che Vitalii Sediuk, in tempi non sospetti, è stato fra le altre cose autore di uno scherzo che fino a qualche tempo fa si credeva essere stato una semplice gaffe: durante il Festival di Venezia 2011, il giovane regalò alla regina del pop Madonna un mazzo di ortensie, ben consapevole del fatto che l’artista quel tipo di fiore lo odiava a morte.

Fra le marachelle compiute da Sediuk negli ultimi tempi (riassunte tutte nel video che trovate qui sotto) ricordiamo quella volta in cui riuscì ad imbucarsi ai Grammy 2013 (ottenendo un posto in seconda fila) e salendo sul palco durante uno dei discorsi di ringraziamento di Adele.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...