Baustelle: ascolta qui Amanda Lear, il loro nuovo singolo (audio e testo)

Hey tu, questo articolo ti piace? Metti un like alla pagina Facebook ufficiale di Ziomuro Reloaded!

I Baustelle sono finalmente tornati. Il gruppo di Francesco Bianconi, fra le massime rappresentazioni dell’indie (un po’ fighetto) italiano ha pubblicato oggi, 30 dicembre, il primo singolo estratto dal nuovo disco L’amore e la violenza, in uscita il prossimo 13 gennaio.

Il titolo del singolo di lancio del nuovo progetto di Baustelle si chiama Amanda Lear, proprio come la celebre soubrette e presentatrice diventata celebre negli anni ’80 grazie alla canzone Tomorrow: il pezzo è un brano dal sapore anni ’80 che ci riporta a pieno titolo nell’eta d’oro dei Baustelle, sostanzialmente quella di La moda del lento, e rappresenta lo stile della band al 100 %. I Baustelle sono dai tempi dell’università uno dei miei gruppi preferiti in assoluto e, nonostante siano con questa canzone rimasti fermi sempre allo stesso genere di canzone, non posso fare che continuare ad amarli.

Qui sotto audio e testo di Amanda Lear dei Baustelle: vi è piaciuta?

 

 

Tesro

amore antico amica mia
amore radio nostalgia
io non ti penso quasi mai
ti ho dato in pasto agli avvoltoi
all’0locausto ai marinari
amore atomico, Enola Gay
orrore amico errore mio
che non ti ho detto neanche addio
che non ti ho detto come mai
una domenica buttai
nel cesso la fotografia
in cui ci stringevamo forte colpa mia

se quest’anno t’hanno visto mi dicono
vomitare gli occhi e l’anima ad un concerto rock
abbracciata ad una testa di cazzo
un regista un coreografo che ne so
un lavoro come un altro una droga
per illuderci e credere di essere uomini
diceva

à mon avis (a mio avviso)
Amanda Lear
il tempo di
un LP
il lato a il lato b
non siamo mica immortali
bruciamo ed è meglio così
Amanda Lear
soltanto per un LP
il lato a il lato b
che niente dura per sempre nemmeno la musica

perduto amore anima mia
amore nona sinfonia
vorrei sapere come stai
se come scrivi è tutto ok
e se davvero ora lo sai
che sono diventato un mostro colpa tua

se mi libero nel buio di un vicolo
all’uscita posteriore di un concerto rock
pomiciare una troietta qualunque
una tizia una pittrice ma che ne so
il tuo pessimismo da quattro soldi
chiaramente aveva fatto proseliti
(dicevo)

à mon avis (a mio avviso)
Amanda Lear
il tempo di
un LP
il lato a il lato b
che niente dura per sempre
finisce ed è meglio così
Amanda Lear
soltanto per un LP
il lato a il lato b
che niente dura per sempre figurati io e te

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...