Michele Zarrillo – Mani nelle mani: la recensione e il commento sul testo dei giornalisti in anteprima

 

QUESTO ARTICOLO TI PIACE? METTI UN LIKE ALLA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE DI ZIOMURO RELOADED!

SEGUI ZIOMURO SU TWITTER E INSTAGRAM!

Il Teatro Ariston sta scaldando i motori per il Festival di Sanremo 2017: dal 7 all’11 febbraio prossimo, infatti, ci potremo nuovamente godere su Rai Uno la kermesse canora più prestigiosa e celebre del nostro paese, che per questa occasione vedrà salire sul palco ligure un totale di ben 22 BIG (più 8 Nuove Proposte).

Lo scorso 20 gennaio un gruppo di fortunati giornalisti provenienti da tutte le più celebri e prestigiose testate online hanno avuto la fortuna di ascoltare in anteprima i pezzi in gara al Festival di Sanremo 2017. Qui sotto trovate dunque le prime recensioni e i commenti sui testi delle canzoni, nell’ordine, di Tv Sorrisi e CanzoniRTL 102,5Il Fatto QuotidianoRockol e TvBlog. Ecco i commenti sulla canzone di Michele Zarrillo, Mani nelle mani.

PS: Cliccando sui nomi delle testate qui sopra trovate gli articoli rispettivi.

A 9 anni dall’ultima volta il cantautore romano torna l Festival con Mani nelle mani. La canzone evoca un rapporto in difficoltà: Zarrillo compie un viaggio nostalgico nel passato, nella speranza di ritrovare lo spirito degli attimi più felici. Musicalmente è un classico, immediato ed elegante.

Michele Zarrillo si rinnova, seguendo il suo stile, volgendo però tutto nel 2017. Tra ballad e ritmo coinvolgente. Un ritorno giusto sul palco di Sanremo.

Ce ne fossero di artisti come Michele Zarrillo. Ottima voce, elegante e potente al tempo stesso, sempre capace di veicolare emozioni. Sempre, stavolta un po’ meno del solito, il che spiace, anche se contiamo molto sul live. Sanremo, lo si dica senza se e senza ma, è molto più roba sua che delle varie Elodie e dei vari Michele Bravi. Anche senza grandi canzoni, come in questo caso. Zarrillo tutta la vita.

Altra classica canzone sanremese, con una melodia “alla Zarrillo”: “Tu sei passione e tormento”. Vale il discorso fatto per D’Alessio: per appassionati del genere è “passione”, è impeccaibile nella costruzione e nella melodia. Per chi non ama la canzone italiana classica può essere “tormento” (ma allora non guardate il Festival…)
Di cosa parla la canzone:  Amore, ricordi,
In breve: Il ritorno di  Zarrillo, come ve lo aspettate, se ve lo aspettate

Brano scritto da Michele Zarrillo.

Giudizio TvBlog: Zarrillo non cambia di una virgola il suo stile. Canzone meno intensa de L’elefante e la farfalla, ma non mancano le note alte e altissime. Romantica al punto giusto.  Nel testo c’è di tutto, anche un fienile…

 

 

 

 

A 9 anni dall’ultima volta il cantautore romano torna l Festival con Mani nelle mani. La canzone evoca un rapporto in difficoltà: Zarrillo compie un viaggio nostalgico nel passato, nella speranza di ritrovare lo spirito degli attimi più felici. Musicalmente è un classico, immediato ed elegante.

Annunci

2 pensieri su “Michele Zarrillo – Mani nelle mani: la recensione e il commento sul testo dei giornalisti in anteprima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...