Ecco perché il 2016 è stato un anno di merda: un breve riassunto

HEY TU! QUESTO ARTICOLO TI PIACE? METTI UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE DI ZIOMURO RELOADED!

 

Qualche tempo fa diversi siti con gran poco rispetto per la dignità umana si sono dilettati in un simpatico giochino: cercare di trovare delle motivazioni più o meno scientifiche e/o credibili per cui nel 2016 sono morte un sacco di celebrità.

Vi svelo un piccolo segreto: a nessuno, all’interno delle redazioni, gliene fregava una mazza di chi fosse morto e soprattutto del perché, ma era necessario dare vita a dei post che attirassero quanto più possibile l’interesse del popolo bue che su Google avrebbe cercato (senza ombra di dubbio) keywords del tipo “morti vip 2016” o ancora “perché le celebrità muoiono nel 2016”. Mi sembra piuttosto scontato e ovvio che non esista alcuna correlazione fra una morte e l’altra, ma questo tipo di articoli (quello del sottoscritto compreso) è ciò di cui molti di noi hanno bisogno per campare, visto che viviamo (o, meglio, vivacchiamo) in funzione delle vostre chiavi di ricerca ogni santo giorno.

Il 2016, in effetti, è stato un anno parecchio funesto, anche per il sottoscritto: purtroppo ho perso una persona a me molto cara ed è dallo scorso aprile che cerco disperatamente a far leggere alle aziende milanesi il mio cv, senza alcun successo. Persino il mio tentativo di diventare virale con il mio QUESTO NON E’ UN CV è fallito, miseramente, nonostante io l’avessi messo in conto. Quando sono tornato a Disneyland a lavorare per le due settimane di Halloween, come se non bastasse, mi hanno cambiato di negozio e messo a fare caffè e zucchero filato. 5 anni di università buttati.

Gli ultimi 12 mesi, in ogni caso, ci hanno visto affrontare tante altre piccole grandi sfide (più grandi, a dire il vero) che hanno reso quello appena trascorso un anno innegabilmente di merda: abbiamo cominciato con la Brexit, poi con l’elezione di Donald Trump, infine con la vittoria del No al Referendum e le dimissioni di Matteo Renzi, un premier che potrà anche non piacere ma che è comunque riuscito a ridare un minimo di credibilità al nostro paese, riuscendo fra le altre cose a far approvare le Unioni Civili. Con la vittoria di Trump, in ogni caso, avevo già messo in conto il peggio: siamo purtroppo di fronte una proliferazione (molto, molto pericolosa) di ideologie gentiste e complottiste che se assecondate potrebbero portare a conseguenze gravissime per la nostra società, vedasi le campagne di certi individui contro i vaccini.

Non è ovviamente finita qui: anche dal lato musicale il 2016 è stato un po’ un disastro. Tralasciando le ovvietà sul successo di Fabio Rovazzi in Italia (qui trovate due mie parole a riguardo) è abbastanza scontato che quest’anno ci sia stata un’ecatombe, per di più di artisti fra i più influenti nella storia della musica. Credo che i nomi di David Bowie, di Prince e di Leonard Cohen possano bastare per definire il disagio. A questo proposito, fra l’altro, vi consiglio di dare un occhio al progetto di Federico Pucci aka @cratete che trovate qui sotto:

C’è purtroppo di più: nel 2016 sono anche usciti almeno un paio di dischi che hanno costituito, almeno per il sottoscritto, una gigantesca delusione. Il primo, e più clamoroso caso per me è stato senza dubbio AIM di M.I.A. (RECENSIONE), un album che attendevo con grandi aspettative e che mi ha fatto sbadigliare in più di qualche momento; seguono a ruota Blonde di Frank Ocean (RECENSIONE), Starboy di The Weeknd (RECENSIONE) e 24K Magic di Brun0 Mars (RECENSIONE).

Non parliamo poi di X Factor, notoriamente la mia unica gioia televisiva rimasta: l’edizione 10, che a mio avviso partiva con i migliori presupposti, è stata piatta, noiosa e priva di talenti davvero interessanti, eccezion fatta forse soltanto per i Les Enfants, che ovviamente sono stati eliminati immediatamente.

In conclusione, il 2016 è stato un anno di merda, e su questo non ci piove, ma vi prego di non saltare ancora a nessuna conclusione affrettata: questo articolo è stato pubblicato in data 5 dicembre, abbiamo ancora 26 giorni di tempo per renderlo peggiore di quanto non sia già stato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...